Crea sito
Menù

Agfa Ambi Silette – Recensione e test

Agfa Ambi Silette
Recensione e test di questa analogica 35mm a telemetro

 

 

Ed eccoci quì, ancora una volta a recensire e provare per voi una vecchia fotocamera analogica 35mm a telemetro. Una Afga Ambi Silette.

L’agfa Ambi Silette è una vecchia fotocamera a telemetro. Tipico di quegli anni la Agfa è costruita interamente in metallo, completamente meccanica e con obiettivi intercambiabili, correzione parallasse e un sofisticato otturatore a lamelle. Anche essendo costruita tutta in metallo è tuttavia più piccola e leggera di una Leica. 

Questa macchinetta ha tutto ciò che serve ad un fotografo, le caratteristiche tecniche sono di tutto rispetto, eppure non se ne sente parlare molto. In giro è piuttosto sconosciuta ai molti. Forse perchè il mercato tedesco è ormai dominato dai marchi piu blasonati come Leica o come Zeiss. Scopriamone di più.

 

Procediamo dall’inizio. Cosa è  AGFA? Preparatevi perchè stiamo racchiudendo anni e anni di storia in poche righe.

L’azienda  Agfa fu fondata nel 1867 a Rummelsburg, presso Berlino, da Paul Mendelssohn Bartholdy, figlio del compositore Felix Mendelssohn, e da Carl Alexander von Martius. Nel 1873 prese il nome di Aktien-Gesellschaft für Anilin-Fabrikation, il cui acronimo è AGFA. L’azienda produce inizialmente prodotti chimici per il trattamento delle pellicole fotografiche. Nel 1880 entra a far parte della società Franz Oppenhaim, che nel 1909 avrebbe creato a Wolfen la “Agfa Film Company”. Nel 1925 l’Agfa inizia a produrre macchine fotografiche per la Bayer, l’anno successivo esce la prima fotocamera con il suo marchio, l’Agfa Standard. La produzione di apparecchi fotografici prosegue fino al 1983.

La Gevaert nasce nel 1890 ad Anversa, in Belgio, dove Lieven Gevaert produce carta per fotografie. Quattro anni dopo, con l’aiuto finanziario di Armand Seghers, Gevaert fonda la “L.Gevaert & Cie”.

Nel 1914 è stata realizzata la prima macchina Leica Ur-Leica,dalla società Agfa come da accordi presi , Agfa produce fino a oggi macchine Leica

Invece, nel 1925, in relazione al rafforzamento dell’industria chimica tedesca, l’Agfa entra a far parte di IG Farben (abbreviazione di Interessen-Gemeinschaft Farbenindustrie AG), che fu un gruppo di aziende tedesche legato in seguito ai crimini di guerra nazisti e all’Olocausto.

In seguito, nel 1952 Agfa costruisce reflex e fotocamere compatte per la Zenit, una fotocamera Russa

Oggi Agfa si occupa di tecnologie legate all’imaging con tre settori principali: “Agfa Graphics”, “Agfa HealthCare”, e “Agfa Materials”. Ha organizzazioni di vendita in 40 paesi, rappresentanze in altri 120 e 13.565 dipendenti nel mondo. 

Dal 2014 L’Agfa ritorna con la riproduzione di pellicole super 8 mm,16mm.

Agfa Ambi Silette product Photos-6

 

La fotocamera Agfa Ambi Silette era un qualcosa di anomalo. Come accennato, le Silette e le Super Silettes di Agfa erano diverse da tutte le altre fotocamere che erano tutte a ottica ficca. Ciò significa che una lente è fissata in modo permanente alla fotocamera, solo una lunghezza focale. Ambi Silette differiva enormemente dalle altre per il fatto che era l’unica telemetro Agfa 35mm con lenti intercambiabili. La possibilità di sostituire gli obiettivi (e le lunghezze focali) l’ha resa immediatamente la fotocamera di punta all’interno della più ampia gamma Silette / Super Silette.

Oltre a questa importante caratteristica, Ambi Silette era ed è una fotocamera CAPACE. L’otturatore a lamelle Synchro-Compur scatta a velocità comprese tra 1/500 di secondo fino a un secondo, più la modalità Bulb per le lunghe esposizioni.L’obiettivo standard, un Agfa Color-Solinar 50mm f / 2.8 si comporta abbastanza bene.  Sulla parte superiore è presente un selettore a cornice, un attacco per cavalletto nella parte inferiore, sincronizzazione flash ad ogni velocità e una patch di messa a fuoco del telemetro nel mirino. Non molto, ma tutto ciò di cui un vero fanatico e puristica della fotografia avrebbe bisogno.

L’Agfa Ambi Silette fu prodotta per la prima volta nel 1957, esportata negli Stati Uniti nel 1959 e interrotta nel 1961, un ciclo di vita di quattro anni notevolmente breve reso ancora più straordinario quando ci rendiamo conto di quanto sia bello scattare con questa fotocamera.

A f / 8, le foto sono nitide da bordo a bordo. flare e imperfezioni ovviamente ci sono ma non tanti di più che con qualsiasi altro obiettivo di questo tipo e di questa era. L’aberrazione cromatica non è affatto evidente e la pellicola in bianco e nero si espone bene (anche se il contrasto è un po ‘basso).

 

 

Detto questo, ne vale la pena comprarla? Se anche voi, come me, siete appassioni di fotografia analogica, vi piace scattare con fotocamera meccaniche, allora questa agfa ambi silette fa per voi. Presa ad un giusto prezzo, è un pezzo che non può mancare tra la vostra collezione.
Quì potrete trovare alcune asta interessanti su ebay -> Link
Se non sapete quale tracolle abbinarci, vi rimando ad un articolo scritto qualche tempo fa su delle splendide tracolle made in italy.

Via www.casualphotophile.com

Partners

Social Counter

  • 30 posts
  • 656 comments